Il sensore nelle scarpe protegge la schiena - Il mioginecologo

Antonino Iacona

Ginecologo

Via Rodolfo Morandi, 8, 45030 Santa Maria Maddalena - Rovigo, Italia
Logo Antonino Iacona
Vai ai contenuti

Il sensore nelle scarpe protegge la schiena

News
Il sensore nelle scarpe protegge la schiena
Di Matt Reynolds
Dimenticate i video di salute e sicurezza - questo algoritmo potrebbe lavorare meglio per verificare che le persone si sollevino con le ginocchia piegate e indietro. I sensori che rilevano automaticamente se si sta per procurarsi un danno alla schiena sul lavoro potrebbero essere facilmente inseriti nel fondo di una scarpa.
La gente spesso non si accorge che non sta adottando la postura corretta quando solleva oggetti pesanti, dice Eya Barkallah all'Università del Quebec a Chicoutimi in Canada . Così Barkallah ei suoi colleghi hanno creato un paio di sensori indossabili che possono rilevare quando qualcuno non sta usando la postura corretta durante il sollevamento o il trasporto di qualcosa di pesante.
"Volevamo trovare un trattamento preventivo per le lesioni sul lavoro", dice Barkallah. I sensori di pressione inseriti in una soletta percepiscono come una persona distribuisce il suo peso, mentre un accelerometro montato sul cappello di sicurezza traccia i suoi movimenti.
Questa combinazione di sensori è perfetta per individuare molti problemi di postura, dice James Brusey all'Università di Coventry, Regno Unito, che non era coinvolto nello studio. La squadra a Quebec ha utilizzato un volontario con un sensore sul cappello ed uno sulle scarpe e gli ha fatto sollevare alcune scatole in tre modi diversi – per metà del tempo il volontario ha usato la postura migliore, ma per l'altra metà, ha deliberatamente sollevato le scatole facendo i più comuni errori di sollevamento.
Postura giusta
I ricercatori hanno quindi utilizzato i dati del sensore tramite un algoritmo di profondo apprendimento per insegnare al sistema a rilevare la differenza tra le posizioni corrette e non corrette. Quando è stato sottoposto alla prova, è stato determinato che potrebbe classificare correttamente la postura della persona per il 95 per cento delle volte. Barkallah dice che sarebbe facile aggiungere al sistema un sistema che vibri o emetta un suono per avvisare il lavoratore quando sta per assumere la postura sbagliata.
Ma Subramanian Ramamoorthy dell'Università di Edimburgo, Regno Unito, pensa che ci siano modi migliori per valutare se qualcuno si muove nel modo giusto. Dice: "È molto difficile ottenere informazioni precise su come qualcuno assuma la posizione sbagliata utilizzando questi sensori”.
dice Ramamoorthy: “Un sistema migliore - seppur più intrusivo - potrebbe essere quello di registrare semplicemente qualcuno con le telecamere e poi incaricare un fisioterapista o un altro esperto di rivedere il filmato e dare a quella persona consigli su come cambiare la sua posizione”.
Brusey pensa che il team sia sulla buona strada, ma dice che i ricercatori devono testare i sensori usando molte più persone prima di poter essere sicuri che i sensori sono un buon modo per valutare la postura. Poiché il processo ha coinvolto solo una persona, è difficile dire quanto sia accurato il sistema per valutare la popolazione generale.
Sollevatori pesanti
Il piano del team, dice Barkallah, è di sperimentare la tecnologia con più persone ed eventualmente con lavoratori reali. Ci sono già alcuni di dispositivi che promettono di rilevare automaticamente quando i lavoratori di un ufficio stanno per sbattere contro loro scrivania, ma Barkallah dice che non esistono sistemi che forniscono un simile servizio per le persone che effettuano sollevamenti pesanti nelle fabbriche o, per esempio, nei magazzini della Amazon. Un altro vantaggio del sistema è che può adattarsi manualmente all'apparecchiatura già indossata.
Ramamoorthy dice che i lavoratori addetti all’edilizia o le persone che lavorano al carico dei bagagli negli aeroporti beneficerebbero particolarmente di questo tipo di sistema. In futuro, vorrebbe vedere dispositivi in grado di fornire commenti dettagliati sulla posizione di qualcuno. "Ma non siamo ancora lì", dice.
Riferimento del giornale: Sensori , DOI: 10.3390 / s17092003
Uomo chino in posizione errata
Studio medico dr. Antonino Iacona. Ginecologo,Via Rodolfo Morandi, 8, 45030 Santa Maria Maddalena - Rovigo, Italia
Torna ai contenuti